mercoledì 31 agosto 2011

Caterina la prima moglie, di Philippa Gregory


Conoscevo Philippa Gregory solo di nome (nelle librerie inglesi è ovunque), e mi dava l'idea della scrittrice da bestseller che per vendere sfrutta la storia. Decisamente mi sbagliavo.
Quando si parla di Enrico VIII non si pensa che ad Anna Bolena. Al massimo dopo il recente film "L'altra donna del re" (anche questo tratto da un precedente romanzo della stessa scrittrice) si sa qualcosa di Maria Bolena. E Caterina, la prima moglie? E' solo una povera donna tradita,noiosa, non molto interessante?
Questo libro ci mostra Caterina al di là della sua triste fine, e delle vicende che hanno rovinato i suoi ulimi anni.
Ai nostri occhi si presenta la figlia dei più grandi sovrani del mondo, vissuta per anni nella polvere degli accampamenti militari, al seguito della guerra santa dei genitori; la giovane ragazza abituata al lusso e alla modernità dell'Alhambra, promessa sposa del figlio del re d'Inghilterra; la principessina meridionale intimamente sconvolta dal suo nuovo paese freddo, arretrato e inospitale; la giovane donna appassionata e solare in preda ad un amore inaspettato...
Dalle pagine emerge il ritratto di una donna incredibile: forte, coraggiosa, testarda, appassionata, purtroppo affiancata da un uomo piccolo e meschino decisamente non alla sua altezza.
Non so quanto di questo libro sia frutto della fantasia dell'autrice (ho sentito la mancanza di una nota finale che lo dicesse), ma ne ho amato ogni pagina.
Una lettura coinvolgente, appassionante, piacevole e interessante.

4 commenti:

  1. Beh, a quest punto stai facendo ricredere anche me! :-) Non me lo sarei mai aspettato...e poco più di un mese fa mi chiedevo proprio della triste sorte di Caterina, prima moglie di Henry VIII, citata nel libro di Augias "I segreti di Londra"...che sia il destino? :-)

    RispondiElimina
  2. PaleoMICHI, ti consiglio allora la lettura in blocco delle biografie di Antonia Fraser, "Le sei mogli di Enrico VIII" e di Carolly Erickson, "Anna Bolena", "Maria la sanguinaria" ed "Elisabetta I. La regina vergine". Straordinari!

    RispondiElimina
  3. Le ho viste qui in giro, mi sa che me le compro quanto prima ;)

    RispondiElimina