giovedì 24 febbraio 2011

Dracula, Platone e Darwin, di Martin Gardner


In questo periodo sto leggendo parecchi libri di matematica. I motivi sono vari, da una parte sono tornata a Roma per un mesetto e ho a disposizione la fornitissima biblioteca di papà, poi sono sotto stress, e i libri di matematica sono ottimi per rilassarsi. Non c'è niente di meglio di un buon rompicapo per occupare la mente e non pensare ai problemi quotidiani.
Martin Gardner è un mito, e i suoi saggi sono come sempre molto piacevoli. Ho trovato la scelta dei saggi pubblicati particolarmente felice, i temi trattati sono molto vari, così come gli stili. Si passa dai giochi matematici e i paradossi alla presentazione di teorie scientifiche complesse, come quella delle stringhe. Parla dei temi matematici più conosciuti, come la serie di Fibonacci, e poi si sposta su argomenti che esulano completamente dal suo campo, come la genetica e la neurologia (anche se mi dispiace dire che in genetica a volte sembra avere le idee leggermente confuse). 
Lo stile è spesso fantasioso e spiritoso, mi sono piaciute molto le sue storie più o meno fantascientifiche; del resto molti dei saggi qui presentati sono stati pubblicati sulla rivista Isaac Asimov's Science Fiction Magazine, e ho apprezzato moltissimo questo legame con uno dei miei scrittori preferiti.
Mi sono inoltre piaciute molto le sue riflessioni sociologiche e filosofiche. Cita numerosi filosofi, più o meno famosi per il grande pubblico, presenta i punti di vista di diverse scuole critiche e alla fine prende posizione motivando il suo punto di vista sulla base di ciò che esprime. 
Questo libretto mi ha anche ricordato un altro dei miei scrittori preferiti, il grande Gould: come lui  Gardner ha dimostrato in questi saggi una cultura vasta e una notevole curiosità per fenomeni diversi fra loro. 
Ha inoltre in comune con il famoso paleontologo anche il suo impegno contro la pseudoscienza, che non posso non apprezzare.

P.S.: la mia copia, comprata in una Feltrinelli a Roma, era stampata male. Ho contattato la casa editrice (Zanichelli) e si sono dimostrati gentilissimi. Per chi ne avesse bisogno ho chiamato il numero che si trova su questa pagina web http://www.zanichelli.it/contatti/

Nessun commento:

Posta un commento