sabato 12 giugno 2010

Sixième colonne, di Robert A. Heinlein


La storia è bella, ma più della storia ho trovato interessanti alcune scelte dell'autore.
Gli Stati Uniti d'America sono stati conquistati dall'esercito Panasiatico. Ma non tutto è perduto, un'arma micidiale è nascosta ai nemici, pronta ad essere utilizzata. La bomba atomica? Una nuova arma misteriosa? No, un'equipe formata dai migliori scienziati della nazione, nascosti in un laboratorio segreto.
In un mondo sempre più preda di ciarlatani e maghi credo sia importante rileggere un libro del genere, che trasuda fiducia nella Ricerca e nella Scienza come risorsa, come punto di forza, a cui affidare le sorti della nazione. La scienza non è depositaria di verità universali, e naturalmente rimane comunque fallace e non priva di rischi, ma è una risorsa fondamentale per la crescita e la vita di un paese civile. Disconoscere l'importanza della cultura scientifica nel mondo di oggi significa cadere preda di chi questa cultura la coltiva con attenzione, come spiego nel prossimo paragrafo.
Un altro elemento importante è la religione*, ma vista in chiave molto particolare. La religione in questo ambito nasce come figlia della scienza, togliendo la conoscenza dei particolari e spacciando i risultati scientifici per magia. E' un processo ripreso dallo studio delle società antiche (basti pensare all'antico Egitto), in cui la conoscenza (non necessariamente scientifica) era appannaggio di un ristretto gruppo di persone (i sacerdoti), che detenevano anche il potere religioso, e in parte politico. E' interessante notare che lo stesso ruolo della religione è riproposto anche da Asimov, nel romanzo Cronache della Galassia, appartenente al Ciclo della Fondazione (anche questo ispirato all'antichità, nello specifico alla caduta dell'Impero Romano d'Occidente). Non so quale dei due autori abbia trattato l'argomento per primo, ma mi sembra interessante che entrambi l'abbiano fatto in ambiti e modi diversi.

In questo periodo il ruolo della scienza nella società italiana sta perdendo peso come mai prima d'ora. Chi ha a cuore il futuro di questo Paese non può prescindere da questa problematica, altrimenti rischiamo di finire come Heinlein e Asimov hanno magistralmente tratteggiato. E non sarebbe una bella fine...

*qui si intende la religione intesa da un punto di vista antropologico e/o sociologico, riguardo al suo impatto sulla società, senza assolutamente entrare nel merito della fede.

Nessun commento:

Posta un commento